Come eravamo

Mi capita di sognarti.

Mi è sempre capitato.

Mi ricordo una volta in Spagna mi sono svegliata a fianco alla persona sbagliata, mentre sognavo te.

Quando mi capita di sognarti non succede mai nulla, a volte sogno solo di vederti tra la gente. L’altro giorno ho sognato che eravamo seduti sul pavimento a mettere del nastro isolante sul filo di un faretto, prima di un servizio fotografico. Parlavamo poco, come sempre.

Forse più che sogni sono rievocazioni della nostra reale relazione, fatta di grandi silenzi e sorrisi accennati. Sguardi sfuggenti e ordinarietà. Incomprensioni, cose non dette e cose dette malissimo.

Mi ricordo una sera, eravamo a casa. Avevi scelto la musica e iniziato a cucinare. Io giravo per la cucina con un bicchiere di vino in mano, mentre tu mi ripetevi che non ero d’aiuto. Era inverno, fuori pioveva, ma noi imperterriti continuavamo ad affacciarci al balcone per fumare. Parlavamo di fotografia e ci scattavamo foto per sperimentare intuizioni senza troppo senso.

Ogni volta che penso a te, ripenso a quella leggerezza, e sento che mi manca come non mai.

E ultimamente, non riesco a smettere di pensarti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...