Anche i fratellini crescono

Ho due sorelle.

Una di loro è PIU’ PICCOLA. Ora, parliamone. Più piccola, è un aggettivo comparativo di minoranza, quindi diciamo che la stiamo paragonando a me, alla mia età, ai miei 2 anni di grandezza in più. Lei, da sempre si trascina dietro questo attributo affiancato al suo nome, anche se generalmente, lei è Vivianona o polpetta di riso, che tutto evoca tranne qualcosa di piccolo.

L’altra di loro, è la sorella GRANDE. Ha la stessa corporatura di un nano da giardino. Solo gli amici e la famiglia sanno che lei è la primogenita, il resto del mondo si mortifica vedendola lavorare pensando che sia minorenne. Non mi pare debba aggiungere altro.

Ho un fratello. PICCOLO. Questo aggettivo lo accompagna amorevolmente dalla nascita, alternato a fantastici e altrettanto amorevoli (nonchè imbarazzanti) diminutivi del tipo: fratellino o nei momenti peggiori, Mariannino, MarianoPiccolo.

Lui è arrivato dopo. E’ arrivato quando la casa, il camper, e le amiche di Barbie avevano già invaso la cameretta da anni, lui è arrivato dopo anni di giochi di ruolo del tipo “mamma, figlia e schiava” (personaggio creato ad hoc per dare un ruolo alla “più piccola”). E’ arrivato quando noi, i cartoni della Disney, li sapevamo già a memoria!! Lui è quello PICCOLO!

Ora che ho superato il trauma di quella volta che al telefono non ti ho riconosciuto perchè avevi cambiato la voce, ora che so distinguere i rasoi della tua barba, da quelli che uso per depilarmi le gambe, ora che ho escogitato la tecnica migliore per parlare con te senza farmi venire il torcicollo per quanto sei alto..proprio ora..tu mi diventi maggiorenne! Ma chi ti ha dato il permesso di crescere? Quando è successo, e soprattutto io dov’ero? Tu sei quello piccolo, fai il PICCOLO, attieniti al tuo ruolo!!

Torna a giocare con i Lego, vai a piangere da mamma quando ti chiudiamo fuori dalla cameretta, fatti cambiare il pannolino da Maria, vai a dormire alle 20.30, non vederti Dowson’s Creek perchè sei troppo piccolo! Smettila di crescere!

Adesso rimediamo a questo errore. Ripeti insieme a me, fino a quando non ti senti completamente convinto. A costo di dimenticare il resto del vocabolario di italiano:

Io ho 14 anni, non prenderò la patente, continuerò ad amare follemente le donne di casa che saranno le uniche per cui avrò occhi e attenzioni. Io ho 14 anni, non prenderò la patente, continuerò ad amare follemente…

Annunci

8 pensieri su “Anche i fratellini crescono

  1. Mi piace moltissimo come scrivi…c’è una profonda leggerezza o dovrei dire leggera profondità ( ovvio che leggerezza non è da confondere con superficialità! )…la tua capacità descrittiva e la fluidità…questo post mi ha divertito…e lo condivido… brava Alice…un abbraccio.

    Mi piace

  2. se ti va , quando ti va …..fai un giretto anche nell’altro mio blog…. afrugiada.blogspot.com ….sono una neofita….adoro scrivere come te, ma per lungo tempo ho messo da parte questa passione per rincorrere sogni non miei….il consiglio di chi come te ha la stessa passione è importante per me…per cui…beh grazie in anticipo…buona serata. A.

    Mi piace

    1. Anch’io ho messo da parte questa mia passione per troppo tempo, per inseguire qualcosa che continua a rivelarsi costantemente sbagliato, per me. Ho iniziato a spiare questo nuovo indirizzo che mi hai lasciato. Già mi piace!!!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...